Una piazza per due martiri

Nel 1946 quello che era Largo Dario Pini risulta denominato Largo Giuseppe Perotti: i vincitori intitolarono il largo del giovane martire fascista al martire della Resistenza Gen. Giuseppe Perotti, che dopo l’armistizio di Cassibile del 1943 entrò nella resistenza tra le file del 1º Comitato militare regionale piemontese (CMRP) dove, per le sue capacità, fu nominato dal CLN coordinatore dello stesso Comitato piemontese e venne condannato a morte e fucilato il 5 aprile 1944 nel Poligono Nazionale del Martinetto di Torino.

stampa 1945

00dd68df29c00dac562cb6cb9112825d

Dario Pini era un giovane studente fascista di 17 anni che venne ucciso dopo un alterco con un coetaneo “ritenuto comunista” con una rivoltellata  sul sentiero costeggiante il canale della Ceronda il 7 luglio 1921. Sembra tutto fosse avvenuto a seguito di una sfida tra ragazzi, il Pini  e tal Giuseppe Bovio tessitore di 23 anni, residente in Via Nicola Fabrizi 50 e iscritto ad un Circolo comunista della regione Campidoglio, colla complicità di altri giovani del circolo comunista: l’autorità inquirente nel 1921 riteneva di trovarsi di fronte ad un dramma tra ragazzi  esaltati da “mania politica”, con epilogo tragico, più che ad un vero e proprio delitto politico. Il Bovio nel 1922 confessò in aula che gli era scappato il colpo mentre tentava di farsi consegnare la rivoltella di proprietà del Pini.

Il Pini divenne poi martire nell’agiografia fascista: gli fu dedicato il Largo ominimo e dette il nome al Circolo Rionale (Gruppo di Barriera di Francia) in Campidoglio  (prima con sede in Via Levanna 24, poi al numero 1 del Largo omonimo, lesionato nel bombardamento del 1943); un articolo de La Stampa del 1931 lo descrive come “squadrista giovinetto.. mite gentile sorridente.. bellissimo adolescente dai capelli d’oro e dai dolci occhi appena velati da un’ombra di melanconia come per un misterioso presagio..” e prosegue in un tripudio di retorica sui Caduti fascisti: “i loro spiriti non si sono perduti nell’oblio, ma sono stati traportati su in alto come “stelle che splendano”.

stampa 1938

2llc8yw

A00142931

Quando il Governo fascista cadde, caddero anche le stelle fasciste e molte vie e corsi cambiarono denominazione. Nel 1946 Corso Altacomba divenne Corso Svizzera, Piazza San Martino divenne Piazza XVIII Dicembre, e il Largo Dario Pini divenne appunto Largo Giuseppe Perotti.

cso altacomba

Elenco delle linee tranviarie di Torino (anni 1941÷1945)

4 – Barriera Piacenza – Campidoglio

Barriera Piacenza – C. Moncalieri – P. Gran Madre di Dio – Ponte Vittorio Emanuele – P. Vittorio Veneto – V. Po – P. Castello – V. Garibaldi – P. Statuto – V. Cibrario – ang. C. Altacomba

4/ – Gran Madre di Dio – Campidoglio

P. Gran Madre di Dio – P. Vittorio Veneto – V. Po – P. Castello – V. Garibaldi – P. Statuto – V. Cibrario – ang. C. Altacomba

17 – Corso Tassoni – Sassi

C. Tassoni – C. Regina Margherita – C. Belgio – ponte Principe di Piemonte – Largo Pasini – C. Casale – Borgata Sassi

22 – Borgata Parella – Val S. Martino (P. Hermada)

V. Nicola Fabrizi – C. Tassoni – V. Cibrario – P. Statuto – C. Beccaria – C. Principe Eugenio – C. Regina Margherita – ponte Regina Margherita – P. Borromiini – C. Gabetti – Val San Martino (P. Hermada)

Elenco delle linee tranviarie di Torino (anno 1946)

4 – Barriera Piacenza – Campidoglio

Barriera Piacenza – C. Moncalieri – P. Gran Madre di Dio – Ponte Vittorio Emanuele – P. Vittorio Veneto – V. Po – P. Castello – V. Garibaldi – P. Statuto – V. Cibrario – Largo Perotti

4/ – Gran Madre di Dio – Campidoglio

P. Gran Madre di Dio – P. Vittorio Veneto – V. Po – P. Castello – V. Garibaldi – P. Statuto – V. Cibrario – Largo Perotti

17 – Corso Tassoni – Sassi

C. Tassoni – C. Regina Margherita – C. Belgio – ponte Principe di Piemonte – Largo Pasini – C. Casale – Borgata Sassi

22 – Borgata Parella – Val S. Martino (P. Hermada)

V. Nicola Fabrizi – C. Tassoni – V. Cibrario – P. Statuto – C. Beccaria – C. Principe Eugenio – C. Regina Margherita – ponte Regina Margherita – P. Borromiini – C. Gabetti – Val San Martino (P. Hermada)

 

mappa1946

stampa 1946 nuovi nomi delle vie

Sitografia:

https://books.google.it/books?id=0FmLAwAAQBAJ&pg=PA452&lpg=PA452&dq=circolo+rionale+fascista+torino&source=bl&ots=cret0nygXe&sig=TPLlH_YOKWucJnH9G9UIS9rYCaE&hl=it&sa=X&ved=0CEAQ6AEwBWoVChMIltyA5I6VyQIVCJwaCh3wgAYJ#v=onepage&q=circolo%20rionale%20fascista%20torino&f=false

http://www.farestoriainperiferia.org/?page_id=2430

http://www.blitzkriegmilitaria-forum.com/archive/index.php?t-10603.htmlhttps://filstoria.hypotheses.org/10901

http://archiviodistatotorino.beniculturali.it/Site/index.php/it/progetti/schedatura/pnf-torinese

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/10/10/il-regista-della-resistenza.

htmlhttp://www.lospiffero.com/cantina/ci-vorrebbero-tanti-fusi-22186.html

http://www.comune.torino.it/verdepubblico/2015/parchigiardini15/intitolazione-giardino-Chignoli.shtml

http://arconormanno.blogspot.it/2012_04_01_archive.html

http://www.museotorino.it/view/s/8305513889294387bf5d8998350b1a47

https://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Perotti

http://www.mqcvisions.net/TorinoSparita/TorinoSparitaBackup/Page_0819.html

http://www.museotorino.it/view/s/80af789f781e4ea5aceb0df03c0ba8a4

http://www.museodeltram.it/torino/linee/1941.htm

http://www.museodeltram.it/torino/linee/1946.htm

http://www.tramditorino.it/storia.htm#cinquanta

http://mondotram.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=3689931&p=86

La Stampa 1921-1983

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...